#COP24 – Oltre la delusione

12Shares

Bisogna andare oltre la delusione che attanaglia oggi tutti noi che avevamo ben chiaro che Katowice dovesse essere un punto di svolta.
Vi avevo anticipato i timori serpeggianti che la COP24 si chiudesse addirittura senza accordo, che invece – seppur monco – c’è stato.
Puntare il dito contro chi ha mancato di ambizione, ora, serve a poco. Siamo costretti a guardare il bicchiere mezzo pieno e a continuare un’opera di convincimento dei Paesi più recalcitranti che dovrà essere quotidiana e instancabile.
Dalla Polonia siamo tornati con un libro di applicazione delle regole di Parigi (il famoso Rulebook) che ha preso il nome di Katowice Climate Package, ma che non è sufficiente a imprimere quella svolta necessaria a restare entro l’aumento massimo di temperatura di 1,5°C. Perché gli Stati non hanno presentato ulteriori impegni di riduzione delle emissioni, mancando quindi di aggiornare al rialzo la propria ambizione e – di fatto – non dando applicazione pratica a quanto dichiarato. Di questo passo, ci aveva ammonito l’IPCC, si arriverà al +3°C… Non siamo riusciti a trovare un accordo fra le Parti su come vadano aggiornati i così detti NDCs, gli obiettivi dichiarati da singoli Stati, e a farlo in maniera trasparente e con regole comuni, standardizzate e condivise.

Nel testo finale (lo trovate qui) mancano riferimenti alla giustizia intergenerazionale, non si parla di diritti umani ed è stata rinviata la discussione sull’articolo 6, quello legato al mercato delle emissioni.

Dovremo forse fermarci, quindi, e piangerci addosso? Dovremmo additare i Paesi che hanno fatto di meno? Dovremmo abbandonare la speranza? Niente affatto, non potremmo fare errori più grossi. Anche se si fosse chiuso il miglior accordo possibile, sarebbe stato solo l’inizio di un lunghissimo lavoro, destinato a durare decenni, per attuare la famosa transizione da un’economia del fossile ad un’economia basata sulle rinnovabili. Dopo l’accordo sappiamo di partire un po’ più indietro, e di dover lavorare di più, ma non c’è altra uscita che farlo.

12Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*