#ALBERI Rimini – Inaccettabile l’aut aut mare pulito o aria pulita: i cittadini hanno diritto ad entrambi

0Shares

“La mediazione fra Comitati e Comune è servita, e ne sono contento. Ma da questa storia emerge chiaramente che l’Amministrazione ascolta solo i cittadini che finiscono sul giornale: è molto triste” – dichiara Marco Affronte, Europarlamentare del Gruppo Verdi/ALE, che continua – “L’operazione fatta dall’Amministrazione riminese di dare un aut aut che contrapponesse il diritto all’aria pulita e il diritto al mare pulito è fallita. Questi diritti non possono essere messi in contrapposizione: è inaccettabile, e c’è stato bisogno di 5000 firme per farglielo capire. Tentare di giustificare l’abbattimento di decine e decine di alberi con i lavori per gli scarichi fognari è stato scorretto. L’opera non è nata ieri, il progetto ha avuto una lunga gestazione: perché nella prima versione gli alberi sacrificati erano oltre 70, e ora meno di 20? A Palazzo Garampi non tengono in considerazione il valore degli alberi? Credo sia mancata soprattutto la trasparenza da parte del Comune: un maggiore dialogo con la cittadinanza avrebbe risolto questi problemi all’origine. Non sarebbe stato necessario arrivare al muro contro muro. Ogni opera dovrebbe, una volta terminata, mantenere inalterato – se non addirittura migliorare – la proporzione fra alberi e abitanti, quindi la capacità di pulizia dell’aria dalla CO2. Secondo me” – propone Affronte, che conclude – “è necessario che il Comune metta per iscritto l’impegno a minimizzare i tagli, come dichiarato dall’Assessore Montini, a tentare di espiantare e ricollocare altrove (nell’area urbana) gli alberi e a piantumare un numero almeno triplo di alberi in zone di rimboschimento. Ma subito, non dopo. Adesso.”

M. Affronte e Verdi Rimini

0Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*