#ADRIATICO – Asse M5S-Croazia per aiutare la pesca industriale

0Shares

E’ passato per 14 voti a 11 il report della relatrice croata Ruza Tomasic che configura il Multi Annual Plan per l’Adriatico, ed è una pessima notizia per i pesci e per i piccoli pescatori.
Le migliori fantasie croate si sono quindi realizzate grazie all’asse formatosi con Forza Italia e con il Movimento 5 Stelle che hanno votato per fare un bel regalone all’industria del pesce. Le multinazionali si fregano le mani dopo questo voto, e potranno bellamente continuare a svuotare l’Adriatico del suo Pesce Azzurro per la propria industria conserviera o per alimentare gli allevamenti di Tonno Rosso. Questo piano prevede solo una riduzione nelle catture del 4%, del tutto insufficiente a mitigare le preoccupazioni espresse da tutti gli organi scientifici: STECG, GFCM, CNR italiano. Come se non bastasse si riferisce ad acciughe e sardine insieme, per cui non ci sarà controllo di quanto effettivamente venga ridotto lo sforzo sull’una o sull’altra specie.
Questo MAP non è nemmeno un MAP vero e proprio, perché dura solo 3 anni. E dopo? Non si sa, il report era così lacunoso che non è stato previsto nulla per dopo… Sono tutti segnali pessimi per l’Adriatico. La nostra ultima speranza sarà la Plenaria. Prima del voto di novembre ci batteremo ancora perché i deputati a Strasburgo capiscano che questo report, così com’è, va buttato…

Il risultato finale…

Inspiegabile l’atteggiamento dei Deputati italiani in Commissione Pesca. Elisabetta Gardini (Forza Italia, PPE) è stata una delle principali sostenitrici della tesi croata. Ma non ci sarebbe stato un report così travagliato se Remo Sernagiotto (ECR) non lo avesse lasciato nelle mani della compagnia di gruppo Tomasic, i cui interessi nazionali sono appunto contrari ai nostri. Anche l’S&D si è spaccato, con Renata Briano (PD) che ha preferito votare con i croati, a differenza dei colleghi di gruppo Nicola Caputo, Serrao Santos, Rodust,… Ovviamente maggiore clamore desta la piroetta del Movimento 5 Stelle, schierato con la pesca industriale a fianco dei croati: nel gruppo EFDD i membri titolari della Commissione Pesca sono due deputati di Ukip. Pe l’occasione, però, sono stati sostituiti da Rosa D’Amato e Fabio Massimo Castaldo che non hanno disdegnato la collaborazione del fuoriuscito David Borrelli (non iscritti).

Castaldo, Borrelli e D’Amato oggi in Commissione…
Il video di oggi, appena registrato all’uscita della commissione
0Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*