#DIESELGATE – Scimmie usate per testare i gas di scarico…

0Shares
Dieci scimmie chiuse in una vetrina a respirare i gas di scarico del New Beetle, una brutalità priva di ogni senso scientifico. L’Europa smetta di girarsi dall’altra parte quando si parla delle Case Automobilistiche.


Mi sono molto arrabbiato quando ho letto l’inchiesta del New York Times nella quale si rivela che nel 2014, durante un esperimento ad Albuquerque nel New Mexico, dieci scimmie furono sottoposte ad un esperimento crudele e scientificamente insensato: vennero chiuse in una gabbia di vetro a respirare, per quattro ore, i fumi emessi dal New Beetle della Volkswagen. L’esperimento, facente parte di una ricerca più ampia, fu finanziato anche da Daimler e Bmw, oltre che da VW.


Mentre in America sono fioccate le multe a seguito del Dieselgate, in Europa ci siamo girati dall’altra parte. Vorrei evitare che fosse così anche questa volta. La Commissione Europea non ha poteri specifici, gli esperimenti sono stati condotti in USA, ma almeno mi aspetto una reazione scritta ufficiale di forte condanna. Per questo ho presentato un’interrogazione urgente. In Europa ci sta mancando il coraggio di cambiare le cose che non vanno. Siamo ossessionati dalle possibili perdite di posti di lavoro e manchiamo le occasioni per auto-riformarci e guardare avanti.”


Qui l’interrogazione presentata:
A seguito dell’inchiesta giornalistica del New York Times che ha rivelato che nel 2014 Volkswagen, Daimler e Bmw finanziarono una ricerca dove vennero usate dieci scimmie per testare la nocività dei gas di scarico delle automobili in un esperimento avvenuto nel Nuovo Messico (USA); notizia confermata dalle successive dichiarazioni di scuse o spiegazioni provenienti dalle Case stesse

 
Si chiede alla Commissione
– quale sia la sua valutazione sul caso e se intenda quanto meno esprimere ufficialmente la propria condanna sull’accaduto
– che tipo di conseguenze possano esserci per le Case automobilistiche
0Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*