Soia OGM ancora respinta, ma una sentenza della Corte…

Oggi si è votato sulla richiesta di autorizzazione all’import della soia OGM DAS-68416-4. Come sempre i Greens europei hanno votato contro l’autorizzazione.

IL PARLAMENTO HA RESPINTO LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE.

Questa soia è stata modificata per essere resistente sia al pesticida 2,4-D che agli erbicidi a base di Gluphosinate. Ricerche indipendenti segnalano, per il 2,4-D, rischi nello sviluppo degli embrioni, difetti congeniti alla nascita, danni al sistema endocrino. Il Gluphosinate è classificato quale tossico per la riproduzione, è fra quelli che il Regolamento Pesticidi metterà al bando fra un anno, se l’autorizzazione non verrà rinnovata. Si tratta degli stessi pesticidi di cui si parlò, qualche mese fa, in un voto nel quale bloccammo un mais e un cotone OGM.

In sede di EFSA abbiamo assistito a commenti, da parte dei rappresentanti degli Stati Membri, molto preoccupanti. Si tratta, più o meno, della solita diatriba su “non abbiamo sufficienti prove per vietarlo” contro “il principio di precauzione ci dice di vietarlo fino a che non abbiamo tutte le prove che sia sicuro”.

Anche sulla stessa soia, dicono alcuni Stati, non ci sono abbastanza studi sugli effetti sull’uomo e sui campi circostanti.

Secondo noi, se importassimo una soia che è stata coltivata in campi trattati con pesticidi ed erbicidi pericolosi, rischieremmo di importare con essa anche gli effetti collaterali di tali sostanze chimiche. Ricordiamo che per il 2,4 – Dichlorophenol NON esiste nella nostra legislazione un MASSIMO DI RESIDUO di sicurezza. Inoltre, last but not least, se importassimo questo genere di alimenti OGM coltivati con pesticidi, non faremmo altro che incoraggiare la produzione, all’estero, di prodotti simili. Questo, oltre al rischio di contaminazione ambientale, è completamente contrario agli obiettivi di sviluppo sostenibile che ci siamo dati (articolo 208 del TFEU).

Questa sentenza di oggi crea una brutta confusione, ma noi andiamo avanti per la strada che ci impone di mettere la salute umana e dell’ambiente davanti ad ogni altro concetto:

http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2017/09/13/ogm-corte-ue-stop-solo-se-accertati-rischi-salute_8c2314f2-bafe-48b7-a594-887fcf36347c.html

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*