Glifosato, ufficiale: la Commissione vuole altri 10 anni!

Finalmente, dopo mesi di speculazioni e di mezze frasi, è arrivata la proposta ufficiale della Commissione Europea per il Glifosato.

Purtroppo, lo diciamo subito, è anche peggio di quanto si ipotizzasse: il primo punto che attira l’attenzione è la richiesta di un RINNOVO DELL’AUTORIZZAZIONE per 10 ANNI!

La proposta sarà discussa, ma ancora non votata, la prossima settimana nello Standing Committee con i rappresentanti nazionali. Naturalmente siamo molto delusi che la Commissione tiri dritto cercando di dare una mano alla Monsanto nonostante tutti i voti negativi del Parlamento Europeo e nonostante la Raccolta Firme per l’Iniziativa Europea dei Cittadini che ha collezionato 1.300.000 firme!

I punti principali della proposta dunque sono:

– Rinnovo 10 anni
– Confermato il bando per la POE-Tallovamina
– Obbligo di minimizzazione dell’uso di pesticidi con Glifosato in aree usate da gruppi vulnerabili, quasi parchi pubblici, giardini, aree giochi e sport, cortili scolastici e nei pressi di ospedali e case di cura
– Nessuna altra prescrizione Ue, ma responsabilità in capo agli Stati Membri per la valutazione e l’eventuale autorizzazione di pesticidi. Gli Stati Membri dovranno quindi prestare cura all’uso in zone freatiche, a proteggere gli operatori, alle conseguenze su vertebrati e piante, all’iterazione con il raccolto nei campi.

Rispetto alla risoluzione votata dal Parlamento Europeo il 13 Aprile 2016, ci sono parecchi aspetti peggiorativi:

– 10 anni anziché 7
– nessuna regolamentazione per l’uso hobbystico, nemmeno alcuna raccomandazione
– uso “minimizzato” in aree sensibili, come detto, che non prevede però alcun bando
– nessuna reale limitazione nell’uso prima del raccolto

La proposta della Commissione, quindi, è peggiorativa rispetto al documento, già non esaltante, del Parlamento Europeo.
Vi terremo aggiornati.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*