PASSANTE DI BOLOGNA, La Petizione resta aperta!

Oggi i proponenti la petizione 1432/2016 contro il Passante di Bologna hanno potuto presentare le proprie ragioni davanti alla Commissione Petitions a Bruxelles.

Marco Affronte, Eurodeputato indipendente del gruppo Verdi/ALE, era presente:

Avevo suggerito io stesso questa strada da percorrere ai Comitati dei cittadini e credo sia stata la cosa giusta. E’ incredibile che dei cittadini bolognesi debbano arrivare sino a Bruxelles per fare ascoltare le proprie ragioni, quando la prima persona titolata e responsabile della salute dei propri cittadini sarebbe il Sindaco Virginio Merola. Purtroppo a Bologna da molti, molti anni la via è quella di aderire pedissequamente o a progetti speculativi di gruppi privati o a esigenze di tipo elettoralistico. Che il Passante non risolva assolutamente i problemi di viabilità della città è scritto nero su bianco, lo sanno benissimo tutti, in primis autostrade. Quello che la Commissione Europea, nella sua risposta, è sembrata ignorare è che 30.000 veicoli in più al giorno – a 10 metri dalle case – rappresenta un aggravamento della già pessima qualità dell’aria di Bologna: parliamo di 65 milioni di veicoli all’anno che sfrecciano di fianco ai cittadini, in una Pianura già fortemente antropizzata e una delle aree più inquinate d’Europa. Oggi i Comitati dei Cittadini, rappresentati dalla prima firmataria Chiara Marini, da Luca Tassinari e da Daria Prandstraller, hanno però potuto presentare un caso che ha colpito la attenzione anche di deputati non italiani, e ora il Parlamento si farà sentire: verrà infatti indirizzata una lettera – che citerà dati e perplessità sollevate oggi – al Governo italiano e alla Regione Emilia-Romagna per segnalare che il caso ha addosso gli occhi dele Istituzioni Europee e non saranno tollerati abusi. Continuerò a seguire da vicino la vicenda perché, come ha detto in aula il collega del gruppo Verdi José Maria Terricabrasse l’Unione Europea non si occupa dell’Ambiente, io non so di cosa debba occuparsi‘.

INTERVISTA AI COMITATI:

INTERVENTO IN AULA:

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*