INCENERITORE DI FIRENZE BLOCCATO DAL TAR!

0Shares

Il Tar (seconda sezione), con sentenza n.1602/2016 ha annullato l’autorizzazione unica rilasciata dalla Città Metropolitana di Firenze per la realizzazione dell’inceneritore di “Case Passerini”; il ricorso presentato dalle Associazioni Ambientaliste, nel quale sono intervenuti ad adiuvandum vari consiglieri del M5S dei Comuni interessati dall’opera pubblica è stato infatti accolto per i seguenti motivi di diritto.

E’ da anni che i nostri gruppi locali, il nostri Consiglieri Comunali e Regionali, i nostri Parlamentari e io stesso lo diciamo: questo inceneritore non s’ha da fare.

Ci auguriamo che la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale significhi la pietra tombale sull’ennesimo inceneritore di cui non abbiamo bisogno. Sono orgoglioso di aver contribuito personalmente alla presentazione del ricorso con un sostegno concreto. Ringrazio tutti i Consiglieri e le persone che lo hanno firmato, e naturalmente gli Avvocati. Quando i cittadini sono informati e si mobilitano sono più forti e possono davvero farsi sentire. Da sempre sosteniamo il NO a questo progetto che è estremamente pericoloso ed impattante per la salute dei cittadini e dell’ambiente specialmente se considerata la sua ubicazione, in una Piana già estremamente contaminata e antropizzata. Il TAR ha emesso una sentenza articolata, dove le principali contestazioni sono alla mancanza della realizzazione delle opere compensative, cioè i boschi della Piana, e ad una procedura autorizzativa che ha scavalcato le competenze del Comune di Sesto Fiorentino. Per noi lo strumento legale serve a bloccare un progetto pericoloso che guarda al passato. Per il futuro dobbiamo puntare sulla strategia dei Rifiuti Zero e sull’Economia Circolare: non ci sono vere alternative che ci possano garantire un il Mondo di domani.

 

LEGGI TUTTA LA SENTENZA: https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=PU2NFQXJAUZPPKVYLDXDCIZLC4&q=

 

img-20161109-wa004

0Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*