Perdiamo anche sul turismo

0Shares

Mentre Renzi continua a spargere ottimismo a piene mani, i dati continuano a smentirlo. In tutti i settori. Non solo le previsioni di crescita sono ridotte allo 0,3% del PIL, un quarto di quanto stimato
pochi mesi fa (il Ministro Padoan dice che “va peggio di quanto sperassimo”) non solo anche l’export è in flessione (mentre il Presidente proclama che potremmo avere l’1% di PIL in più solo da lì) ma anche la nostra punta di diamante, il Turismo, viene trascurato.

Abbiamo perso, negli ultimi 10 anni, il 30% degli introiti da turismo, passando la nostra quota mondiale dal 5,5% al 3,7%.

Ma soprattutto, il Sistema-Paese non investe abbastanza per invertire la tendenza.

Non è un problema di contingenza, legato magari al clima un po’ negativo di questa pazza estate. È un difetto strutturale.

Da riminese, parlando con amiche e amici e vivendo il mio territorio, naturalmente ho potuto notare subito il problema che in Riviera si è manifestato già da alcuni anni.

Ma vediamo alcune cifre, per capire le dimensioni del problema.

L’Italia è stata per anni ai vertici dei Paesi più visitati al Mondo, poi superata, in termini assoluti, da Spagna, Cina, USA e Francia (in testa a livello planetario). I transalpini hanno quasi il doppio dei nostri visitatori, 79 milioni contro 46 (!!!), gli spagnoli 10 milioni in più.
Ora siamo terzi in Europa, ben distanziati dalla Spagna e dietro, appunto, alla Francia per quanto riguarda gli arrivi dagli altri Paesi europei

http://epthinktank.eu/2014/07/07/tourism-in-the-eu-economy/eu_tourists_10_most_visited_destinations/

Impietoso il confronto con la Spagna: non solo il Turismo contribuisce ben di più a fare PIL nel paese iberico (il che può anche essere connesso ad una minore industrializzazione http://wttc-infographic.org/compare/italy/spain), ma a Madrid investono in percentuale più del DOPPIO di quanto facciamo noi: 7,9% contro 3,2%.

Questo è il dato peggiore: i francesi, pur primi, investono il 3,7% del PIL per continuare a migliorare il settore turistico, gli spagnoli il 7,9% e noi solo il 3,2%!

Cosa ci aspettiamo? Che i turisti continuino a venire in Italia a prescindere da tutto? Pensiamo sia sufficiente cullarci sui successi storici e artistici di secoli fa senza fare più nulla?

0Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*